Polizia di Cagliari salva cagnetto da chi lo stava impiccando e lapidando perché abbaiava troppo

Ha tentato di impiccare a un albero un cagnolino per trasformarlo in un bersaglio per il lancio di pietre, ma i poliziotti sono riusciti a bloccarlo salvando la vita all’animale. Gli agenti della Squadra Volante della Questura di Cagliari hanno denunciato un cagliaritano di 39 anni per maltrattamento di animali. Si e’ giustificato del gesto dicendo di aver picchiato il cane perche’ non smetteva di abbaiare.


L’uomo, come riportato dalla Ansa, e’ stato sorpreso in una stradina sterrata mentre torturava un cagnolino meticcio di piccola taglia. A fare scattare l’intervento della Polizia sono state le numerose telefonate dei residenti della zona. Arrivati sul posto, gli agenti hanno subito individuato l’uomo nascosto sotto i rami di un albero che colpiva l’animale. E’ stato bloccato mentre il cane e’ stato liberato dalla corda che ormai gli stringeva il collo e non gli permetteva di respirare. Il cagnolino presentava anche ferite alla testa, forse provocate da una pietra ed era privo di sensi. La Centrale operativa della Polizia ha subito informato del caso il canile municipale che ha inviato sul posto un veterinario a cui il cagnolino e’ stato affidato. Sono in corso le ricerche del proprietario perchè il cane è provvisto di microchip.